Ultima modifica: 7 giugno 2017

Alternanza scuola-lavoro

images

In questi ultimi anni, nella società europea si sta affermando l’importanza dell’apprendimento nei contesti di lavoro. Viene così evidenziata  la correlazione tra istruzione e occupazione, sottolineando il preminente ruolo formativo dell’ambiente di lavoro inteso come luogo di apprendimento, non solo come sede finale, destinata ad accogliere le competenze prodotte nel sistema scolastico e formativo, ma anche come sede in grado di produrre competenze in modo autonomo e di curarne l’apprendimento. L’alternanza scuola-lavoro (ASL) si configura come un’opportunità formativa, integrando scuola e impresa con l’idea che l’apprendimento può essere di tipo formale e informale, nascere dall’esperienza scolastica o da quella lavorativa.

Anno 2016-17

 (maggio 2017)

Biotecnologie Ambientali – Classe 4a – La cooperativa per l’ambiente ed il territorio

 (dicembre 2016)

ITIS Leonardo Da Vinci Pisa e “Il treno di Babbo Natale”leopolda1

 

Dall’otto all’undici dicembre si è svolta alla stazione Leopolda di Pisa la manifestazione Il treno di Babbo Natale dedicata ai più piccoli e alle famiglie.
+ leggi tutto

Uno spettacolo di luci e colori e addobbi ha avvolto il salone storico della Leopolda in un’atmosfera fiabesca con la locomotiva e tanti vagoni. Alcuni di questi vagoni erano animati dagli studenti dell’ITIS.

simulatoreTutti i bambini sognano di volare, e gli studenti dell’ITIS hanno permesso di realizzare questo sogno: volare su un simulatore assemblato e collaudato dagli studenti stessi.

Tutti i bambini sono innamorati dei giochi. Perchè non giocare imparando le basi della programmazione grafica? I partecipanti si sono divertiti con giochi realizzati su Scratch dagli studenti dell’ITIS e si sono cimentati a creare dei semplici giochi sotto la guida degli studenti più grandi.

Tutti i bimbi sognano di diventare ingegneri e costruire piccoli circuiti con led che si accendono e spengono,  misurare con semplici sensori  i battiti cardiaci, misurare la temperatura atmosferica, creare giochi di luce con musica natalizia. Con l’aiuto degli studenti dell’ITIS e di Arduino tutti i partecipanti sono diventati ingegneri per un giorno.

sandboxTutti i bambini sognano di diventare geologi. Con l’aiuto degli studenti dell’ITIS hanno potuto farlo utilizzando la LudoSandBox che è un sistema di realtà aumentata al fine di creare fisicamente modelli topografici che studiano le variazioni del territorio in tempo reale. leopolda2

 

Tutti i nostri bimbi devono conoscere le regole fondamentali per vivere in sicurezza.

Il Vagone della sicurezza è un progetto dell’Istituto Italiano per la Sicurezza, basato sulla Peer Safety Education, la metodologia che consiste nel formare i ragazzi delle superiori che, in alternanza scuola-lavoro, diventano “Safety Tutor” dei loro coetanei o di studenti più piccoli, per sensibilizzarli sulle tematiche della Sicurezza e, in particolare, sui rischi presenti nella vita quotidiana”

Unendo la creatività degli studenti del Liceo Artistico F. Russoli con il supporto Tecnico di studenti e docenti dell’ITIS L. Da Vinci, l’Istituto Italiano per la Sicurezza ha elaborato degli interessanti percorsi didattici dove i Safety Tutor illustrano ai bambini una serie di rischi presenti nella vita quotidiana (rischio elettrico, chimico e ambientale). Le tematiche della Sicurezza sono inoltre state proposte anche in chiave comico-teatrale nel Pippo’s Show.

leopolda3

Lo spettacolo ideato e condotto dai ragazzi dell’ITIS, oltre a far divertire i bambini li ha anche educati a fare una chiamata di emergenza per soccorrere il clown Pippo che si era infortunato mentre incautamente metteva le lucine all’albero di Natale….per soccorrere il clown si sono improvvisati attori sia il personale della Pubblica Assistenza (presenti con il Giocarancio) che i dottori del SISM ( presenti con l’Ospedale dei Pupazzi).
– comprimi

 


 

Anno 2015-16

IMPRESA FORMATIVA SIMULATA

IMPRENDITORI PER UN GIORNO

 

 

Anno scolastico 2014-15

Finanziato progetto innovativo di alternanza scuola-lavoro

articoloLaNazione8gen15_min
Articolo su La Nazione del 08/01/2015